CategoriesBlog

Aloe vera succo per dimagrire

L’aloe vera succo è anche un ingrediente “it” nel mondo della bellezza e della cosmesi. Lo troverai in qualsiasi cosa, da creme idratanti e toner a shampoo e balsami profondi. C’è anche un’intera linea di prodotti chiamata Aloe Vesta, progettati per proteggere la pelle sensibile. 

Qual è la ragione per l’hype? La pianta è nota per supportare l’idratazione e la chiarezza della pelle. È ricco di antiossidanti come  vitamina A, vitamina C e vitamina E e contiene sette degli otto amminoacidi essenziali.  È anche noto per le sue proprietà antinfiammatorie, anche se alcuni critici affermano che sono necessarie ulteriori ricerche prima di poterlo dire con certezza.

Componenti attivi con le sue proprietà.        

L’ Aloe vera succo contiene 75 costituenti potenzialmente attivi: vitamine, enzimi, minerali, zuccheri, lignina, saponine, acidi salicilici e aminoacidi. Vitamine: contiene vitamine A (beta-carotene), C ed E, che sono antiossidanti. Contiene anche vitamina B12, acido folico e colina. L’antiossidante neutralizza i radicali liberi.Enzimi: contiene 8 enzimi: aliiase, fosfatasi alcalina, amilasi, bradichinasi, carbossipeptidasi, catalasi, cellulasi, lipasi e perossidasi. La bradichinasi aiuta a ridurre l’infiammazione eccessiva se applicata sulla pelle per via topica, mentre altre aiutano nella scomposizione di zuccheri e grassi. Minerali: fornisce calcio, cromo, rame, selenio, magnesio, manganese, potassio, sodio e zinco. Sono essenziali per il corretto funzionamento di vari sistemi enzimatici in diverse vie metaboliche e pochi sono antiossidanti.

Zuccheri.        

Fornisce monosaccaridi (glucosio e fruttosio) e polisaccaridi: (glucomannani / polimannosio). Questi sono derivati ​​dallo strato di mucillagine della pianta e sono noti come mucopolisaccaridi. Il monosaccaride più importante è il mannosio-6-fosfato, ei polisaccaridi più comuni sono chiamati glucomannani. È stato anche trovato acemannano, un importante glucomannano. Recentemente, una glicoproteina con proprietà antiallergiche, chiamata alprogeno e un nuovo composto antinfiammatorio, il cromone C-glucosile, è stata isolata dal gel di aloe vera succo. Antrachinoni: fornisce 12 antrachinoni, composti fenolici tradizionalmente noti come lassativi. L’aloina e l’emodina agiscono come analgesici, antibatterici e antivirali. Acidi grassi: fornisce 4 steroidi vegetali; colesterolo, campesterolo, β-sisosterolo e lupeolo. Tutti questi hanno un’azione antinfiammatoria e il lupeolo possiede anche proprietà antisettiche e analgesiche. Ormoni: auxine e gibberelline che aiutano nella guarigione delle ferite e hanno un’azione antinfiammatoria. Altro: fornisce 20 dei 22 amminoacidi necessari all’uomo e 7 degli 8 amminoacidi essenziali. Contiene anche acido salicilico che possiede proprietà antinfiammatorie e antibatteriche. La lignina, una sostanza inerte, quando inclusa nei preparati topici, aumenta l’effetto penetrante degli altri ingredienti nella pelle. Le saponine che sono le sostanze saponose formano circa il 3% del gel e hanno proprietà detergenti e antisettiche.

Quali benefici dell’Aloe Vera succo?               

Aiuta a lenire le scottature solari. Il gel di aloe vera succo ha proprietà rinfrescanti ed è antinfiammatorio. Quindi, è uno dei rimedi più naturali per le scottature o la pelle bruciata. L’applicazione di questo gel aiuta con uno strato protettivo per la pelle e aiuta anche a trattenere l’umidità. È ricco di antiossidanti e minerali che stimolano il processo di guarigione. Quindi ora puoi mantenere la salute della tua pelle estiva  usando l’aloe vera.

Aiuta a idratare la pelle.                    

A differenza delle normali creme idratanti acquistate sul mercato, il gel di Aloe Vera succo, se usato come gel idratante, non lascia una pellicola grassa sul viso e sulla pelle. In effetti, fa esattamente l’opposto: sblocca i pori e ammorbidisce la pelle. Può essere utilizzato come trattamento dopobarba. Questo perché il gel di Aloe Vera aiuta a mantenere la pelle idratata e guarisce le ustioni da rasoio e piccoli tagli e tagli. Aiuta anche a trattare la pelle secca.

Migliora la guarigione delle ferite l’Aloe Vera succo?      

È ormai noto che l’Aloe Vera è estremamente benefica per ustioni, tagli e altre lesioni. Questo perché l’Aloe Vera aumenta la guarigione delle ferite, cioè riduce il tempo di guarigione. Aiuta anche ad accelerare la riproduzione delle cellule della pelle fino a otto volte. L’Aloe Vera è anche nota per penetrare nell’epidermide, cioè lo strato esterno della pelle più velocemente dell’acqua.

Combatte l’invecchiamento cutaneo l’Aloe Vera succo?      

Il gel di Aloe Vera contiene vitamina C ed E, beta-carotene in abbondanza. Pertanto, ha proprietà antietà. Contiene inoltre proprietà antimicrobiche ed è antinfiammatorio. Aiuta anche a sradicare le macchie della pelle e ad attenuare i segni dell’età. Inoltre, aiuta ad aumentare la produzione di collagene nel corpo e l’elasticità della pelle.

Riduce le infezioni e l’acne?                   

Chi soffre di acne troverà tregua nell’Aloe Vera. Aiuta nella pulizia delicata e le sue proprietà antimicrobiche trattano i brufoli senza causare danni alla pelle. È un antisettico che consente la protezione contro i batteri. L’Aloe Vera succo contiene polisaccaridi e gibberelline. Questi aiutano nella crescita di nuove cellule e, allo stesso tempo, riducono l’infiammazione e il rossore. Funziona anche come astringente che riduce la dimensione dei pori, eliminando il sebo in eccesso, i microbi e lo sporco.

Schiarisce le macchie del viso  l’Aloe Vera succo?          

Come già sappiamo, l’Aloe Vera succo contiene poteri per aumentare la riproduzione delle cellule della pelle, ridurre gli arrossamenti e combattere l’infiammazione della pelle, è un trattamento naturale per smagliature e segni di acne. Per trattare le lentiggini e schiarire le macchie dell’età, aggiungi un po ‘di succo di limone alla miscela di gel. È uno dei rimedi casalinghi perfetti per la pelle luminosa.

aloe vera succo per dimagrire

 

Accelera la guarigione delle ferite.        

Le persone usano più spesso l’aloe vera come farmaco topico, strofinandolo sulla pelle piuttosto che consumarlo. In effetti, ha una lunga storia di utilizzo nel trattamento delle piaghe e in particolare delle ustioni, comprese le scottature solari. La Farmacopea degli Stati Uniti descrive i preparati di aloe vera come protettore della pelle già nel 1810-1820. L’evidenza che l’aloe vera aiuta a guarire altri tipi di ferite è inconcludente, ma la ricerca è promettente.

Riduce la placca dentale l’Aloe Vera succo?     

La carie e problemi alle gengive sono molto comuni. Uno dei modi migliori per prevenire queste condizioni è ridurre l’accumulo di placca, o biofilm batterici, sui denti. In uno studio sul risciacquo della bocca condotto su 300 persone sane, i ricercatori hanno confrontato il succo di aloe vera puro al 100% con l’ingrediente standard del collutorio clorexidina. Dopo 4 giorni di utilizzo, il collutorio con aloe vera sembrava essere altrettanto efficace della clorexidina nel ridurre la placca dentale. Un altro studio ha rilevato benefici simili del collutorio con aloe vera per un periodo di 15-30 giorni.

L’aloe vera è sicura?                  

È sicuro per la maggior parte delle persone usare l’aloe vera per via topica per problemi di cura della pelle minori. In generale, è ben tollerato, sebbene siano possibili irritazioni della pelle e reazioni allergiche. Mai usare aloe vera succo su gravi ustione e tagli. Presta attenzione a come reagisce il tuo corpo all’aloe. Nota se si verificano sensibilità o reazioni avverse. Non usare l’aloe se sei allergico all’aglio, alle cipolle o ai tulipani. Evita di prendere l’aloe vera entro due settimane dall’intervento programmato. Le donne in gravidanza o in allattamento e i bambini di età inferiore ai 12 anni dovrebbero evitare l’uso orale di aloe vera. Seguire sempre le informazioni sul dosaggio quando prendi il gel di aloe vera o il lattice. Utilizzala a tempo alternato. Ogni tanto fai una pausa di una settimana dall’assunzione. Compra da un marchio importante.

Suggerimenti su come coltivare l’aloe vera a casa.        

Buone notizie per i pollici non verdi: l’aloe vera è un gioco da ragazzi da coltivare in casa. Un po ‘di abbandono nell’irrigazione non gli farà male, anzi, potrebbe effettivamente aiutare, perché questa pianta amante della siccità vive meglio in condizioni asciutte. Dovresti fare attenzione a non innaffiare eccessivamente la pianta e, se tieni la pianta all’aperto, assicurati di coprirla quando piove. Le piante di aloe vera, che crescono da uno a due piedi di altezza e fino a 1 piede di larghezza, crescono meglio nei climi tropicali. Se non vivi in posti tropicali o caldi non puoi lasciare all’aperto l’aloe d’inverno. Ma puoi facilmente lasciarlo in una pentola e portarlo dentro quando la temperatura scende. La luce solare è la chiave per una pianta sana di aloe vera, quindi posizionala all’esterno in un luogo soleggiato o all’interno su un davanzale. Quando pianti la tua pianta di aloe vera in una pentola, scegli una ciotola larga e poco profonda in modo che le radici abbiano spazio per muoversi e diffondersi mentre crescono. Nuovi semi cresceranno intorno alla base della pianta, che potrai prendere e piantare in un nuovo vaso.

Come usare il gel di aloe fresco ?     

Puoi applicare il gel di aloe fresco direttamente sulla tua pelle o seguire una ricetta per realizzare un prodotto di bellezza fatto in casa. Puoi aggiungerla ai cibi bevande  e frullati. Per preparare il succo di aloe, 2 cucchiai di aloe gel  prendi 1 tazza di liquido. Usa un frullatore o cosa  ne fa le veci e inserisci gli altri ingredienti.Se hai intenzione di consumare le fette fresche di gel di aloe, si conserverà in frigorifero per alcuni giorni, ma è meglio consumarlo il più rapidamente possibile. Se non usi subito il gel di aloe lo puoi inserire nel congelatore.

aloe vera succo

L’Aloe pianta antichissima.            

L’Aloe nella cultura Assiro-Babilonese. Nell’antico popolo Assiro usavano il succo di Sibaru o Siburu (Aloe), per eliminare i fastidiosi sintomi dovuti all’ingestione di cibi avariati e alla formazione di gas intestinali. Un gruppo di archeologi, conoscitori dei Sumeri, sul finire dell’ottocento, identificarono, nel testo cuneiforme d’alcune tavoletted’argilla, uno scritto riguardante l’Aloe. Su queste tavole, ritrovate nella città di Nippur, databili attorno al 2000 a.e., in quello che doveva essere il quartier generale del re Assurbanipal, si può leggere chiaramente ” … le foglie assomigliavano a oderi di coltelli … “. Questa singolare informazione ci comunicadue aspetti relativi all’archeobotanica moderna. Innanzitutto, gli Assiri conoscevano bene la pianta ed alcune sue proprietà, in secondo luogo, la descrizione segnala l’impiego della varietà barbadensis Miller, meglio conosciuta come Vera.

Egizi e l’aloe.                     

Gli Egizi la definivano pianta dell’immortalità, posta all’entrata delle piramidi, l’Aloe serviva per indicare il cammino ai faraoni defunti verso la terra dei morti. Preziose informazioni relative a questa pianta sono contenute all’interno del “Papiro di Ebers”, così chiamato col nome dello scopritore, l’egittologo tedesco, Georg Ebers. Gli antichi egizi, che inventarono il  clistere,  utilizzavano l’aloe come enteroclisma purgante aggregandola ad altre erbe. Inoltre la bellezza di Cleopatra era demandata all’uso dell’Aloe in combinazione ai nutrienti bagni di latte. Ancora oggi in Egitto, questa pianta grassa è considerata l’emblema della felicità e della protezione, se posta poi, all’interno di un edificio, si pensa che protegga la famiglia assorbendo le energie negative portate da alcuni visitatori. Abbellita  con un fiocco rosso, invoca l’amore, mentre adornata con nastro di colore verde, è propiziatoria nel voler richiamare a sé la dea bendata. In alcuni rituali è ancora utilizzata per il suo potere energetico.   

Aloe vera suco nella storia antica. 

L’etimologia del termine Aloe deriva dal greco àls-alòs, sale, per il suo sapore amaro questa pianta ricorda l’acqua del mare. La leggenda del popolo di Alessandro Magno, dice che  su consiglio di Aristotele, andò alla conquista dell’isola di Socotra, nell’intento di impossessarsi delle ingenti quantità di piante d’Aloe succotrina in essa presenti..Nei numerosi libri costituenti la Sacra Bibbia si fa più volte riferimento a questa pianta. Nei Salmi (45-8) ad esempio si dice chiaramente che ” … le vestigia dei Re erano profumate con Mirra e Aloe … “. Dioscoride medico greco ufficiale nell’impero romano, primo secolo dopo cristo ed anche Plinio autore di  “Historia Naturalis”, delineano i vari usi terapeutici del succo di Aloe per curare le ferite, stomaco, mal di testa, stipsi, calvizie, irritazioni della pelle, problemi orali e vari disagi dei tempi antichi.

Aloe nella universale cultura orientale.                 

Fra le già citate centinaia di specie di Aloe presenti al mondo, alcune vantano tronchi grandi. E’ proprio di queste specie che la cultura e medicina Tibetana fa uso per realizzare rimedi terapeutici ed incensi per meditazione, tutt’ora impiegati soprattutto per ottenere un effetto calmante, armonizzante e soporifero. Non si tirarono indietro neanche la medicina Ayurvedica usano ancora oggi la corteccia dell’Aloe aquilaria per formare importanti rimedi curativi.. Questa formulazione, chimata Agar, in indi, o Agaru, in sanscrito, si impiega maggiormente per curare infezioni alle orecchie, occhi e ferite aperte. Nel libro sessuale per antonomasia, il Kamasutra, l’Aloe è menzionata con una veste idilliaca di potente afrodisiaco.  Nel Milione, il veneziano Marco Polo narra  in modo esplicito e sintetico la storia e la leggenda creata intorno la pianta d’Aloe. A proposito del suo impiego e della sua diffusione dall’isola di Socotra a tutto l’Oriente, attraverso le vie commerciali dell’Impero Cinese.

L’Aloe all’interno dei Maya.                         

Secondo l’Hunpeckin-ci della cultura Maya l’Aloe, era vista come  un meraviglioso rimedio per il mal di testa. Il succo si metteva a punto in infusione ed bevuto, consumato, diluito con acqua, mentre le donne Maya passavano le foglie sui seni strofinaldole, per indurre lo svezzamento precoce dei loro figli, in quanto il forte sapore amaro dell’aloina rendeva il capezzolo molto poco appetibile. Nel suo viaggio verso il nuovo mondo, Cristoforo Colombo scrisse nel suo diario una frase che da sola dovrebbe persuaderci della versatilità ed validità di questo splendido rimedio: “Todo esta bien, hay Aloe a bordo”. Le proprietà terapeutiche dell’Aloe erano molto notevoli, anche per gli Indiani d’America, che scoprirono nel centro delle foglie di Aloe Barbadensis Miller, l’ampolla dell’elisir di lunga vita. Con i loro riti magici, gli stregoni mettevano insieme le favolose doti officinali della pianta grassa, alle sapienze magiche ed esoteriche.

Maya nel nuovo mondo.

Grazie all’opera di diffusione dei gesuiti, alla fine del XVI secolo, queste meravigliose piante vennero importate nelle isole dei Caraibi, specialmente in quelle che divennero le isole Barbados. Attualmente questa specie di Aloe porta con se il nome dell’isola, Aloe Barbadensis, probabilmente in passato venne chiamata data dal botanico Linneo, Aloe Vera succo. La stessa opera di diffusione venne esercitata dal popolo olandese nel XVII secolo, durante le sue conquiste nel continenteafricano, dando così origine ad un florido mercato erboristico, cardine commerciale della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, grande importatrice di erbe e spezie speciali da tutto il mondo. Tra il 1700 e il 1800, parecchi ammiratori nel Vecchio continente europeo, compresero l’importanza di questa pianta. Si moltiplicarono, quindi, le importazioni, e si diffuse un modus pensandi tra l’antica aristocrazia e la nuova borghesia emergente, che vedeva l’Aloe tra le piante maggiormente quotate nelle collezioni botaniche. In tanti furono i nobili inglesi si misero a creare importanti raffinate serre delle piante grasse di ogni genere, nelle serre affioravano diverse specie d’Aloe.

Aloe nel mondo di oggi.

Il primo studio scientifico rivolto allo svelare tutti i principi attivi responsabili degli eccezionali effetti dell’Aloe e stato stilato dai ricercatori  dell’inghilterra Smith e Stenhouse di nel 1851. I due luminari hanno identificato e titolato il primo costituente conosciuta, l’aloina. Le essenze  di aloina ed aloemodina sono riportati nel British Pharmaceutical Codex del 1907 con ile designazioni d’uso principale, sotto le azioni purganti. Solo dopo il 1930, l’Aloe divenne oggetto di approfonditi studi, svolti soprattutto negli Stati Uniti d’America ed in Russia. Si sa che la tecnologia medica, in quegli anni, stava muovendo i primi passi, e che le dosi di radioisotopi somministrate per la cura di patologie cancerose, non erano del tutto equilibrate, in questo modo sorgevano degli effetti collaterali non indifferenti, come estese ustioni a carico del sistema epiteliale.

Aloe nel mondo di oggi seconda parte.

Questi medici, sulla base delle loro vecchie sapienze erboristiche, sapevano che il gel ottenuto dalle foglie dell’Aloe, era usato per curare gravi lesioni provocate da protratta permanenza sotto il sole. Con grande stupore, notarono che ventiquattro ore dopo i forti pruriti che sfociarono nella loro paziente diminuirono decisamente ed erano leniti, dopo alcune settimane, la pelle stava rigenerandosi velocemente nello stato di ricrescita e dopo cinque mesi dall’inizio della cura, la paziente fu clinicamente dimessa con completa guarigione, caso assolutamente incomparabile al decorso di pazienti affetti dallo stesso problema. Da questi straordinari risultati nasce il grosso interesse in tutta la grande comunità medico-dermatologica americana e iniziarono le ricerche con test clinici per capire meglio gli effetti benefici sull’uomo che su cavie animali. Le prime vere analisi, volte verso la sapienza del contenuto fitochimico dell’Aloe, furono condotte nel 1940, dal professor Tom Rowe dell’Università della Virginia.

Aloe nel mondo di oggi  terza  parte.

Tom Rowe attraverso diversi studi compiuti su ratti da laboratorio, sottoposti a radiazioni, e successiva somministrazione del gel, comprese che l’agente medicamentoso doveva trovarsi concentrato nella parte dura e coriacea della foglia. Nel 1959, entra in campo il Ministero della Sanità Americano, la integerrima FDA, la quale fece una relazione ed certificò definitivamente la lapalisiana capacità rigeneratrice dei tessuti cutanei donati dai preparati a base di Aloe. Quindi questa pianta, che era rimasta ai margini dell’attenzione farmaceutica, venne sdoganata ai favori della comunità medico-scientifica internazionale. Paralleli studi in U.R.S.S., nel 1957, arrivarono a conclusioni simili a quelli condotti oltre oceano, usando due diverse specie, l’Aloe Arborescens e l’Aloe Striatula. Alcuni ricercatori russi vengono a conoscenza dell’utilità del gel in affezioni ginecologiche e paradontistico concludendo che diminuiva del 50% il tempo di guarigione di lesioni alla cute dovute a congelamenti, bruciature come scottature o eritemi solari.

Aloe nel mondo di oggi quarta parte.  

Altri studi scientifici russi affermarono che l’Aloe, nel suo interno, contiene svariate sostanze medicamentose, tra cui l’acido salicilico e l’acido cinnamico, relativamente antidolorifico ed antielmintico o vermifugo. La mirabolante scoperta, che investe e consacra definitivamente la pianta in un ampio panorama medico, scaturì da un farmacista texano, Bill Coats, alla fine degli anni Cinquanta. Coats riuscì a stabilizzare la polpa di Aloe vera succo da poterla commercializzazione in tutto il mondo, senza più problemi ossidativi o di fermentazioni indesiderate, che ne compromettessero la validità del preparato come succo alimentare o crema dermatologica. Nei successivi decenni furono eseguite notevoli ricerche sulle reali e innumerevoli proprietà di questa pianta che può essere classificata, a giusta ragione, la regina delle piante terapeutiche esistenti sulla Terra.

Quale sistema botanico? 

Classificazione botanica il genere botanico Aloe da sempre stato classificato nella famiglia delle liliaceae, pesce persico é legato, vieni lo sono i gigli, le cipolle, l’aglio e gli asparagi, ad un originario bulbo . Questo era considerato corretto fino a poco tempo fa fino a quando, Tam Reynolds, un ricercatore londinese, ne ha redatto una nuova classificazione. Egli, viste le specifiche e particolari caratteristiche, inserì l’Aloe in una nuova famiglia botanica, quella delle Aloaceae . Genere di pianta sempre verde , ad arbusto , perenne e rampicante, con fogliame grasso possiede fiori di forma allungata dal colore che oscilla per le varie specie, tra una gamma cromatica che va dall’arancio al rosso scarlatto, tinte comunque spettacolari che ricordano quelle visibili in un paesaggio autunnale .

La botanica intrinseca.

Si pensi che solamente in Sudafrica, nel 1955, ne sarebbe catalogato dallo stato ben 132 specie! Esse spaziano tra quelle in miniatura come l’Aloe aristata e l’Aloe brevi foglia, a quelle di piccole dimensioni come l’Aloe striata, che si pu ò definire, una tra le pi ù belle esistenti al mondo. Fra l’Aloe di grande dimensioni, e quelle d’interesse cosmetico – curativo, si possono ricordare l’Aloe arborescens Miller, l’Aloeferox, l’Aloe barbadensis Miller Vera, l’Aloe chinensis, l’Aloe saponaria e l’Aloe succotrina. Una distinzione botanica pi ù generale, ci perviene dall’osservazione del tronco e delle foglie. Possiamo così distinguere grandi Gruppi di Aloe : acauleas, subcauleas, cauleas. Nel primo gruppo Sono Contenute le piante Che non possiedono tronco, o molto corto, morbido e spesso, coperto dalle foglie disposte.

Botanica straodinaria.             

Appartengono a questo primo gruppo, l’Aloe barbadensis Miller, l’Aloe saponaria e l’Aloe aristata. Nel gruppo secondo, appartengono l’Aloe chinensis e l’Aloe succotrina. Lo stelo corto e legnoso può Raggiungere la lunghezza di alcune decine di centimetri . Per finire, in un gruppo terzo, nel quale il tronco legnoso si ramifica, costituiscono arbusti cespugliosi e raggiungono altezze di alcuni metri, sono di specie come l’Aloe ferox, l’Aloe arborescens e la famosissima una caratteristica aguillaria. L’Aloe che viene dalle Barbados, chiamata barbadensis da Miller, o Aloe Vera, per Linneo, od ancora Aloe vulgaris secondo Lamarck, rappresenta una sola specie botanica. Non poca confusione stata fatta a proposito della dicitura aggiunta, Vera, poich é Miller denominava Vera, un’altra specie diversa da quella valutata da Linneo . Oggi, perciò, si tende annuncio ovviare annuncio una tassonomia vegetale poco chiara, distinguendo le dovute varietà chiamando Vera, la specie barbadensis Miller, mentre attribuendo il suffisso, qualità Vera, all’Aloe descritta da Linneo. Questo quanto si evince dagli scritti del grande erborista, Burman .

Aloe barbadensis Miller o Vera?         

E ‘ una pianta perenne che cresce a forma di cespo, la cui base circonda da una rosetta di foglie grasse e spinose ad evoluzione spiraliforme. Questa la caratteristica che la contraddistingue chiaramente tra tutte le specie esistenti sul globo terrestre. La sua struttura e consistenza ricordano vagamente quella del cactus. Originaria dell’Africa, l’Aloe barbadensi , stata diffusa nelle americhe, dopo le spedizioni di Colombo e Vespucci. Il clima Il caldo umido dell’America centrale favorisce molto la sua buona diffusione, specie negli arcipelaghi caraibici, ai quali si deve l’attuale denominazione barbadensis, cio è proveniente dalle isole Barbados. Dopo il 1950, sono sorte piantagioni, negli Stati Uniti centro-meridionali come Texas, Arizona e Florida, ma si segnalano alcune estensioni anche nello stato del Messico e nel sud America in genere .

Aloe vera due.

L’Aloe Vera possiede foglie carnose e succulente, di colore verde chiaro chiazzato, con delicati contorni, a volte punteggiati di rosa Duranti i Periodi Freddi . Con il passare del tempo, il color verde brillante tende a sbiadire verso un verde grigio . La pianta raggiunge la sua maturità dopo quattro anni e può avere foglie con lunghezza media compresa tra i 60 e 90 cm una larghezza basale dagli otto ai 12 cm, ognuna delle quali può pesare da uno a due chili. Il suo ciclo vitale complessivo e di dodici anni. Presenta un numero di foglie che va dalle dodici alle trenta unità. Quando viene operato un taglio all’anno 3 volte circa, si nota una rimarginazione delle ” Ferite ” che hanno subito, quasi immediata, si fuori esce un liquido protettivo che blocca la fuoriuscita della linfa.

Aloe vera tre.       

Queste varietà non presenta un tronco che sorregge la pianta stessa, esse formano un ampio cespuglio ben ancorato a terra attraverso un apparato radicare adeguatamente sviluppato. Dalla parte centrale del ciuffo fogliare dell’Aloe barbadensis si arrampicavano fino lo stelo rigido e legnoso dei Fiori, Una volta all’anno, per un’altezza Che pu ò Raggiungere il metro e mezzo. In estate la fioritura inizia, con delle formazioni tubolari di colore giallo grappolo, nella parte finale dello spuntone legnoso. L’Aloe Vera si propaga facilmente, attraverso talea, dai germogli che fuoriescono dalla base. E’ molto importante non sottoporre la pianta climi estremi, con elevate escursioni termiche o eccessiva umidità. Le piante Giovani Amano la penombra, mentre quelle adulte adorano l’esposizione solare. Questo tipo d’Aloe necessita di un terreno sabbioso, che presenti una buona porosità.

Aloe vera quattro.           

L’aloe ha foglie ricche di gel rispetto alla cuticola esterna ed è la regina su tutte le sostanze, l’acemannano, un carboidrato complesso coinvolto nei principali processi d’immunomodulazione. L’aloina contenuta Nella pianta, un antrachinone Dalle innumerevoli attività, non Ultime Quella lassative, drenante e purificante, assumere nell’Aloe barbadensis le Specifiche Caratteristiche della barbaloina, riconoscibile semplicemente dal colore ocra e Dall’aroma carnoso sgradevole. L’Aloe barbadensis risulta essere Attualmente la tipologia d’Aloe più usata e conosciuta al mondo. In realtà, i principi attivi, contenuti in questa famosa varietà, non possono essere comparabili in termini quantitativi alle varietà presentato di seguito, più piccole, rare e difficilmente processabili industrialmente. L’Aloe Vera succo Rimane comunque, malgrado i Suoi Limiti nei Confronti delle sorelle minori, un eccellente prodotto per la cura del corpo e della salute umana .

Grazie per aver letto

Rimedi Bio Naturali

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *