Che cos’e la prostata e proteggerla.
Usando l’estratto di foglie di olivo (COMPRA QUI) proteggiamo la prostata.
Cerchiamo di conoscere questo organo.
Se ne sente parlare di frequente, ma non sempre in modo chiaro; addirittura nel prossimo mese di novembre, in lnghilterra e non solo, molti uomini, facendosi crescere i baffi, daranno vita al “Movember”.
Evento annuale per raccogliere fondi e diffondere consapevolezza sulle problematiche legate a quest’organo.


In breve, quando si parla di prostata, ci si riferisce a una specifica ghiandola dell’apparato genitale maschile, che presenta le seguenti caratteristiche

  • ubicata sotto la vescica e sopra II diaframma uro-genitale;
  • piccola nell’età infantile, si sviluppa durante la pubertà, con forma e dimensioni simili a una castagna;
  • deputata principalmente a produrre quella parte del liquido seminale (che rappresenta circa il suo 20% che nutre e veicola gli spermatozoi contenuti nello sperma.

Le potenziali problematiche della prostata

La prostata può essere soggetta ad alcuni disturbi, ma soprattutto tende a ingrossarsi con il passare degli anni.
Questo aspetto, che viene detto ipertrofia prostatica benigna (IPB), riguarda la parte più interna della prostata, quella a contatto con il collo della vescica, ed è quindi responsabile di disagi quali, ad esempio:

  • un flusso lento e ridotto dell’urina,
  • una sensazione di non completo svuotamento della vescica,
  • una frequente necessita di minzione ecc.

Un altro problema, decisamente più serio, e quello del tumore alla prostata, che riguarda la parte esterna della ghiandola.
Oltre a ciò, possono verificarsi fenomeni infiammatori, le cosiddette prostatiti, infiammazione prostata (acute o croniche), che possono dipendere da cause batteriche (infettive) e non.
Un esempio di prostatite non infettiva è quella causata da microtraumi ripetuti, tipica dei ciclisti. La cura per prostatite esiste.

Alimentarsi bene senza alimentare i batteri

Per una “prostata in salute” è anzitutto indispensabile avere un’alimentazione corretta: ii consumo eccessivo di alcol, caffe, cibi speziati, grassi saturi e superalcolici favorisce gli stati infiammatori, mantenendo in vita i batter  e sostenendone la proliferazione.
Non solo, ma un’alimentazione poco equilibrata può appesantire ii lavoro dei reni e provocare problemi all’intestino: d’altra parte, anche una scorretta funzione intestinale è in grado di determinare l’irritazione delta ghiandola.
Spazio, dunque, a un’alimentazione corretta ( estratto di foglie d’olivo è un alimento con flavonoidi, bioflavonoidi ) che preveda un consumo di antiossidanti e vitamine, selenio e zinco presenti nel liquido seminale e almeno un litro e mezzo di acqua al giorno per favorire le funzioni renali e limitare ii rischio di stagnazione dei liquidi nell’area prostatica.